Ciaspolata al monte Falterona

A ciaspolare, di martedì


Questo post sta fra le categorie Il piacere di coltivarsi e Sport in famiglia, perché non riesco a decidermi.

Non so decidere se il piacere maggiore del mio martedì in montagna – sopra un metro e mezzo di neve, con Andrea e mio cognato e tanta, ma tanta, neve che ci cadeva sulla tesa – sia stata l’attività sportiva in famiglia ma senza figli e, salubremente, all’aria aperta, oppure il coltivare le mie passioni e quelle di Andrea, “coltivarci” insieme.

Qualche giorno fa dicevo con una mia amica runner: “La difficoltà maggiore non è andare a correre, ma essersi ricavati quei 30/45/60 minuti per farlo”.
Ma se si è motivati, ostinati e zucconi il tempo alla fine si trova.

E sì: ho preso un giorno di ferie per stare solo con Andrea, e non con i bambini.

Ma, onestamente, è ora di finirla con ‘sti sensi di colpa sul tempo che si ruba ai figli; questo tempo è stato anche per loro, che si son goduti la loro nonna per alcune ore dopo la scuola ed hanno ritrovato un papà ed una mamma felici e stanchi, carichi di endorfine.

Ciaspolata al monte Falterona

Ciaspolata al monte Falterona

Condividi

  • Facebook
  • Google Plus
  • Twitter
  • LinkedIn
  • RSS

avatar

Informazioni su ComunicAttrice

Giulia Adinolfi Mi occupo dal 2003 di comunicazione sul web, content management e promozione di e-commerce B2B, dal 2011 anche di social. Sono appassionata di cultura digitale, green e corsa. Scrivo per lavoro. Era quello che volevo fare da grande. Ho due figli e un marito: Giuseppe di 8 anni, Adele di 5 anni, Andrea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *